Parti del cervello affette da Alzheimer

Parti del cervello affette da Alzheimer
La malattia di Alzheimer inizia a danneggiare il cervello fino a 20 anni prima di manifestare qualsiasi sintomo. Il morbo di Alzheimer provoca la formazione e lo sviluppo delle placche neurofibrillari e delle placche amiloidi in varie parti del cervello. Con il progredire del morbo di Alzheimer, la funzionalità cerebrale si deteriora gradualmente.

La malattia di Alzheimer inizia a danneggiare il cervello fino a 20 anni prima di manifestare qualsiasi sintomo. Il morbo di Alzheimer provoca la formazione e lo sviluppo delle placche neurofibrillari e delle placche amiloidi in varie parti del cervello. Con il progredire del morbo di Alzheimer, la funzionalità cerebrale si deteriora gradualmente. Quando la malattia di Alzheimer raggiunge livelli avanzati, la funzione cerebrale è gravemente compromessa e il tessuto cerebrale è significativamente ridotto, secondo il National Institute on Aging.

Video del giorno

Amigdala

L'Alzheimer colpisce l'amigdala. L'amigdala è la sezione del cervello responsabile della gestione delle emozioni di base come la paura e la rabbia. Quando l'Alzheimer ha gravemente danneggiato l'amigdala, il risultato è un'instabilità emotiva. È abbastanza comune per episodi di paranoia, scoppi d'ira e attacchi di ansia a causa del danno che l'Alzheimer ha inflitto all'amigdala, secondo il servizio pubblico di radiodiffusione.

Stelo del cervello

Durante i primi stadi del morbo di Alzheimer, il progressivo danneggiamento del tronco cerebrale può causare un sonno irregolare. Con lo sviluppo del morbo di Alzheimer, si verificheranno problemi sensoriali che coinvolgono la vista e l'udito. Poiché il morbo di Alzheimer continua a danneggiare il tronco encefalico, altre complicazioni, come difficoltà di deglutizione, respirazione e pressione arteriosa irregolare e aritmia, si sviluppano, secondo la Società di Alzheimer.

Frontal Lobe

Il lobo frontale è responsabile della logica, della regolazione del comportamento, della pianificazione complessa e dell'apprendimento. La malattia di Alzheimer danneggia gradualmente il lobo frontale man mano che la malattia progredisce. In quanto tali, compiti complessi come la guida, la cottura o la pianificazione in più fasi possono diventare gravemente compromessi dal morbo di Alzheimer. Inoltre, il danno che il morbo di Alzheimer infligge al lobo frontale determina anche la perdita di motivazione o spinta, con conseguente lentezza. Il danno che il morbo di Alzheimer infligge al lobo frontale provoca anche la graduale perdita di inibizione e comportamento impulsivo, secondo l'American Health Assistance Foundation

Ippocampo

L'ippocampo è la parte del cervello principalmente responsabile per il breve termine memoria. La malattia di Alzheimer inizia a distruggere l'ippocampo all'inizio dello sviluppo della malattia. Il risultato immediato è una ridotta capacità di memoria a breve termine e un lieve disorientamento. Mentre il morbo di Alzheimer continua a degenerare l'ippocampo, la memoria a breve termine diventa gravemente compromessa, secondo l'Alzheimer's Society.

Lobo parietale

Il lobo parietale è il principale responsabile dell'integrazione e dell'elaborazione delle informazioni sensoriali. Compiti come la lettura, la scrittura, la matematica e la navigazione spaziale sono tipicamente elaborati dal lobo parietale, secondo la Società di Alzheimer.L'Alzheimer distrugge sistematicamente il lobo parietale nelle varie fasi della progressione della malattia. I sintomi, come un deterioramento delle capacità di lettura e scrittura, nonché una crescente incapacità di localizzare correttamente gli oggetti all'interno di uno spazio tridimensionale, o una corretta misurazione della distanza, si verificano con crescente frequenza e gravità mentre l'Alzheimer degenera il lobo parietale.

Lobo temporale

Il lobo temporale è la parte del cervello coinvolta anche nell'elaborazione sensoriale, nella memoria a lungo termine e nelle abilità linguistiche. Il danno al lobo temporale causato dal morbo di Alzheimer può comportare una crescente incapacità di articolare le idee, e mantenere idee complesse, nonché abilità linguistiche compromesse. È anche abbastanza comune che avvengano vivide allucinazioni visive e uditive. Inoltre, il danno che il morbo di Alzheimer infligge al lobo temporale compromette la capacità di riconoscere luoghi, oggetti e persone familiari. Nel momento in cui il morbo di Alzheimer è avanzato fino alle fasi successive, il ritiro delle informazioni personali diventa gravemente compromesso, secondo l'American Health Assistance Foundation.