Una tecnica che ti aiuterà a vedere l'esercizio più facile, letteralmente

Una tecnica che ti aiuterà a vedere l'esercizio più facile, letteralmente
Non stiamo facendo abbastanza esercizio. Un rapporto del 2014 dell'Organizzazione mondiale della sanità afferma che il 35% degli adulti in tutto il mondo non soddisfa i livelli raccomandati settimanali di attività fisica. Ma non è per mancanza di interesse. La maggior parte delle persone sa che hanno bisogno di esercitare.

Non stiamo facendo abbastanza esercizio. Un rapporto del 2014 dell'Organizzazione mondiale della sanità afferma che il 35% degli adulti in tutto il mondo non soddisfa i livelli raccomandati settimanali di attività fisica. Ma non è per mancanza di interesse. La maggior parte delle persone sa che hanno bisogno di esercitare. Allora, qual'è il problema? Perché le persone trovano difficile soddisfare le raccomandazioni per l'attività fisica e i propri obiettivi di fitness? E solo chi è che esercita abbastanza?

Video del giorno

La risposta ha a che fare con la visualizzazione. Il modo in cui vediamo la palestra in cui ci troviamo, il percorso fino al traguardo o il percorso su cui saliamo cambia la qualità dell'esercizio. La ricerca che i miei colleghi Shana Cole e Matt Riccio e io abbiamo pubblicato nel numero di settembre 2014 di Motivation and Emotion dimostra che il modo in cui guardiamo al nostro ambiente influisce sulla nostra esperienza di esercizio. Ciò a cui si presta attenzione può rendere l'allenamento più facile o più difficile, il che aiuterà o ostacolerà i tuoi progressi verso i tuoi obiettivi.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre 1,4 miliardi di adulti e 42 milioni di bambini sotto i 5 anni sono sovrappeso o obesi in tutto il mondo. "Gli occhi sul premio" possono aiutare le persone a fare esercizio più efficace perché rende l'attività fisica più facile.

Crea & ldquo; Eyes on the Prize & rdquo; Più di uno slogan

Nello studio, abbiamo testato uomini e donne durante un esercizio moderatamente impegnativo, chiedendo loro di camminare velocemente mentre portavano pesi extra. Abbiamo dato a metà dei partecipanti una strategia che pensavamo potesse rendere l'esercizio più semplice e intuitivo, che abbiamo chiamato "gli occhi sul premio". "Ma piuttosto che essere un cliché su un poster di ispirazione, il nome descrive dove dovrebbero andare i tuoi occhi. I partecipanti hanno diretto il loro sguardo sul traguardo, evitato di guardarsi attorno e immaginato che un riflettore brillava sul traguardo.

Quindi abbiamo confrontato l'efficacia di questa strategia con il nostro gruppo di riferimento, a cui è stato chiesto di guardarsi intorno come avrebbero fatto naturalmente. Dopo aver praticato una di queste due strategie, le persone hanno stimato la distanza dal traguardo. Si scopre che tenere gli occhi sul premio ha cambiato la distanza del traguardo. Le persone che tenevano gli occhi sul traguardo la percepivano come il 30 percento più vicino di chi si guardava intorno.

"Gli occhi sul premio" hanno cambiato anche l'esperienza dell'esercizio. Le persone che si concentravano sul traguardo sentivano anche che l'esercizio era più facile. Hanno riferito che l'esercizio richiedeva il 17 percento di sforzi in meno rispetto al gruppo di riferimento, e hanno percorso il 23 percento più velocemente. Semplicemente cambiando il modo in cui le persone si guardavano intorno quando camminavano migliorava la qualità del loro esercizio e rendeva l'obiettivo più facile da raggiungere.

E la strategia "occhi sul premio" è quella di cui chiunque può trarre beneficio, sia che tu sia già in forma o che stia cercando di arrivarci. In effetti, senza questa strategia, le persone che sono stanche, anziane, in sovrappeso o con dolori cronici alla schiena vedono muoversi nei loro ambienti come più impegnativo. Una ricerca pubblicata in un articolo del 2006 Perspectives on Psychological di Dennis Proffit, un professore di psicologia all'Università della Virginia, ha rilevato che le distanze sembrano più lontane e le colline appaiono più ripide per le persone che sono fisicamente inadatte. Quando l'energia scarseggia ed è più difficile spostarsi, i nostri ambienti sembrano letteralmente più impegnativi.

Stabilisci obiettivi ambiziosi che puoi raggiungere

Sebbene la nostra mente determini come percepiamo l'esercizio, possiamo insegnare a noi stessi a vederlo in modo diverso. Possiamo allenarci a concentrarci sul nostro obiettivo. E quando usiamo questa strategia per rendere l'obiettivo più vicino, l'esercizio diventa più facile.

Creare uno stile di vita più sano richiede che stabiliamo obiettivi che ci spingano a migliorare. Ma se gli obiettivi sono troppo difficili, ci arrendiamo. Trovare il punto debole aiuta. Le persone hanno maggiori probabilità di raggiungere i loro obiettivi se realizzano quelle che sono impegnative ma fattibili. E quando fissiamo questi tipi di obiettivi, i nostri corpi sperimentano cambiamenti fisiologici che ci aiutano a soddisfarli.

Rex Wright e colleghi hanno condotto uno studio pubblicato nel numero di giugno 2012 di Psychophysiology che ha dimostrato che i corpi delle persone li aiutano a raggiungere obiettivi che sembrano difficili ma comunque realizzabili. I ricercatori hanno chiesto alle donne di camminare ad un ritmo modesto (due miglia all'ora) su un tapis roulant per 10 minuti mentre indossavano un giubbotto ponderato da 5 o 25 libbre. Successivamente, le donne hanno pedalato su una bicicletta stazionaria reclinata per 10 minuti a un RPM basso o alto mentre i ricercatori hanno misurato e notato eventuali cambiamenti nella pressione sistolica per determinare quando il corpo aveva mobilitato energia per aiutare l'attività fisica.

I ricercatori hanno scoperto che il gruppo con i giubbotti più leggeri apprezza maggiormente l'attivazione cardiovascolare e l'aumento della pressione sistolica durante l'esercizio ciclistico più impegnativo, suggerendo che i loro corpi erano pronti ad affrontare l'esercizio più faticoso. Ma le donne che erano già stanche di indossare i giubbotti pesanti hanno mostrato un modello completamente diverso di effetti cardiovascolari. La pressione sistolica in realtà diminuiva per loro quando tentavano di raggiungere il difficile obiettivo del ciclismo. I loro corpi, in un certo senso, si sono spenti e non sono riusciti a rispondere alle sfide del secondo esercizio quando era molto difficile.

Quando fissiamo obiettivi impegnativi e raggiungibili, i nostri corpi rispondono all'esercizio per aiutarci a raggiungerli. Ma prima dobbiamo sentire che abbiamo le risorse fisiche per raggiungere questi obiettivi. Quando abbiamo più energia, l'obiettivo deve essere più impegnativo. Quando ci proviamo, l'obiettivo deve essere più facile. E se troviamo questo equilibrio, i nostri sistemi cardiovascolari contribuiranno molto più efficacemente allo sforzo durante l'esercizio.

Combattere il problema di fitness da più lati

Negli ultimi anni, i programmi statali e federali hanno cercato di cambiare le tendenze allarmanti e ridurre il crescente numero di individui sovrappeso e obesi.La città di New York, ad esempio, richiede alle aziende di fast food di mostrare il conteggio delle calorie. I ristoranti non possono usare i grassi trans. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti richiede che i distributori automatici vendano solo snack con 200 calorie o meno. Le scuole elementari e medie possono solo vendere acqua, succhi di frutta o verdura al 100% e latte magro. E la Food and Drug Administration ha recentemente posto le regole per i ristoranti che richiedono il conteggio delle calorie nei loro menu.

Anche se cambiare il modo in cui mangiamo sarà molto importante per migliorare la salute generale, dobbiamo ancora trovare strategie per aumentare l'esercizio. Programmi come Let's Move di Michelle Obama! e NFL's Play 60 aiuta gli americani, in particolare i bambini, a trovare modi per mangiare in modo più sano e muoversi di più, il che è essenziale per promuovere uno stile di vita sano.