Sulla sindrome dell'intestino irritabile dopo la gravidanza

Sulla sindrome dell'intestino irritabile dopo la gravidanza
Sindrome dell'intestino irritabile, noto anche come IBS, è una sindrome o un gruppo di sintomi che include dolore addominale, diarrea, costipazione, gas, passando mucose e altre irregolarità. Anche se la gravidanza non aumenta il rischio di sviluppare IBS, secondo il dott. Chung Owyang, capo della gastroenterologia per il sistema sanitario dell'Università del Michigan, la maggior parte dei casi si sviluppa in donne in età fertile.

Sindrome dell'intestino irritabile, noto anche come IBS, è una sindrome o un gruppo di sintomi che include dolore addominale, diarrea, costipazione, gas, passando mucose e altre irregolarità. Anche se la gravidanza non aumenta il rischio di sviluppare IBS, secondo il dott. Chung Owyang, capo della gastroenterologia per il sistema sanitario dell'Università del Michigan, la maggior parte dei casi si sviluppa in donne in età fertile.

Video del giorno

Cause

Si pensa che l'IBS sia il prodotto di nervi iperattivi nel colon. Lo stress e gli ormoni sessuali femminili non causano l'IBS, ma fanno numero tra i trigger riconosciuti che sembrano scatenare i nervi iperattivi. Gli antibiotici sistemici usati per combattere lo streptococco del gruppo B e altri batteri nelle donne in gravidanza possono disturbare l'equilibrio dei batteri che normalmente risiedono nell'intestino, fornendo un altro possibile innesco per l'IBS.

Diagnosi

I medici diagnosticano l'IBS sulla base della storia, dell'esame obiettivo e, a volte, degli esami del sangue. Anche se la gravidanza non tiene conto dei Criteri di Roma del 2006 utilizzati per diagnosticare l'IBS, i medici sono spesso riluttanti a fare la diagnosi fino a sei mesi dopo una gravidanza, poiché i normali cambiamenti fisiologici, metabolici e anatomici associati alla gravidanza possono confondere la diagnosi.

Corso

La maggior parte dei pazienti con IBS riporta un corso di paraffina e calante. I sintomi possono scomparire per un po 'o possono cambiare il loro schema. Uno studio del 2008 nel "World Journal of Gastroenterology" ha rilevato livelli più elevati di prolattina, un ormone associato alla produzione di latte materno, nelle donne con IBS predominante alla costipazione. Quindi, le donne che allattano, che in precedenza soffrivano di IBS predominante nella diarrea, potrebbero scoprire che i loro sintomi si spostano in uno schema predominante o misto costipazione.

Terapia dietetica

La terapia dietetica per IBS consiste nell'aumentare gradualmente la fibra alimentare attraverso integratori di fibre, aumentando il consumo di cereali integrali, legumi, frutta e verdura o una combinazione dei due. Inoltre, i pazienti devono evitare i trigger come cibi grassi, pasti abbondanti, latticini, cioccolato, caffeina, alcol, dolcificanti artificiali chiamati alcol di zucchero e bevande gassate. Sebbene la maggior parte degli alimenti enfatizzati nella dieta IBS siano già a basso contenuto calorico, un dietista registrato può aiutare a identificare ulteriori strategie di riduzione delle calorie per le donne che hanno difficoltà a tornare al loro peso pre-gravidanza.

Gestione dello stress

Lo stress spesso innesca i sintomi dell'IBS, quindi la gestione dello stress è in primo piano nei trattamenti di prima linea per il disturbo. Oltre ai normali fattori di stress, le nuove madri affrontano il peso, a volte travolgente, di prendersi cura fisicamente, emotivamente e finanziariamente di un bambino.Gestire lo stress attraverso sbocchi come l'esercizio fisico, il counseling, gli hobby e anche i rimedi alternativi come l'ipnosi o la meditazione riduce i sintomi dell'IBS e migliora il benessere generale.

Farmaci

I farmaci spesso figurano in primo piano nella gestione dell'IBS predominante nella costipazione tra le donne che hanno recentemente consegnato un bambino. Le donne che hanno subito un taglio cesareo sono comunemente consigliate per evitare di sforzare con i movimenti intestinali, e il rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico è una lamentela comune tra tutte le donne che sono state incinte, indipendentemente dal metodo di consegna. I lassativi e gli antidiarroici da banco sono generalmente sicuri per le donne post-partum, anche se le donne che allattano dovrebbero contattare i loro medici per un consiglio.

Precauzioni

IBS esercita un effetto negativo sulla qualità della vita dei pazienti che supera di gran lunga il suo impatto sulla salute reale. Secondo l'American College of Gastroenterology, IBS diminuisce la produttività del lavoro, interferisce con le relazioni sociali e aumenta anche il rischio di suicidio. Le donne che hanno appena partorito un bambino sono già a maggior rischio di depressione post-partum. IBS può peggiorare il problema.