Tecnica Dash da 400 metri

Tecnica Dash da 400 metri
Il cruscotto di 400 metri è una gara a breve termine che spesso fa parte di gare competitive o di eventi di atletica leggera. La preparazione per il cruscotto di 400 metri include l'allenamento per aumentare la velocità e ridurre il tempo totale. Tecniche di sviluppo e levigatura come queste possono fare la differenza tra una vittoria o una perdita.

Il cruscotto di 400 metri è una gara a breve termine che spesso fa parte di gare competitive o di eventi di atletica leggera. La preparazione per il cruscotto di 400 metri include l'allenamento per aumentare la velocità e ridurre il tempo totale. Tecniche di sviluppo e levigatura come queste possono fare la differenza tra una vittoria o una perdita.

Video del giorno

Passaggio 1

Dividi la corsa in segmenti. Invece di avvicinarlo a 400 metri, pensalo come due tratti di 200 metri o quattro tratti di 100 metri. Spingere forte nei tratti iniziali può comportare un tempo inferiore. Questo può aiutare il corridore a risparmiare energia e finire la gara forte. Gestire la velocità in questo modo può aiutare ad alleviare lo stress fisico e mentale sperimentato quando i corridori cercano di aumentare la loro velocità alla fine della gara, quando sono quasi esauriti.

Passaggio 2

Esercitati e incorpora il metodo della fionda, consiglia l'allenatore Rich Lasorsa, in un articolo sul sito Web di Tutto il percorso. Il metodo della fionda è focalizzato sulla creazione di una quantità di moto sufficiente per aiutare un corridore a "fionda" in avanti. Questo può essere fatto praticando l'accelerazione della velocità di 20 metri prima e durante le curve di una pista per spingersi nei tratti rettilinei della pista, riducendo così il tempo complessivo.

Passaggio 3

Rilassarsi e concentrarsi. È importante per un corridore concentrarsi sul completamento della gara invece di quanto possa essere stanco. Lasorsa consiglia ai corridori di identificare un movimento tecnico e concentrarsi su quello. Ad esempio, quando si pensa a quanto sono stanche le gambe, un corridore può concentrarsi a dondolare le braccia avanti e indietro. L'obiettivo è di mantenere il corpo in movimento e mantenere lo slancio in qualche parte del corpo anche se non sono le gambe.